TOG Lab – Una storia in 3D

3/5/19

Quanto può influire nella vita dei bambini con disabilità l’utilizzo della tecnologia?

Ve lo racconta la storia del TOG Lab!

53794451_316937015841561_5635758237866262528_n

INNOVAZIONE per TOG è avvenuta in due tappe fondamentali:

l’incontro con il FabLab milanese OpenDot e l’inizio della co progettazione di ausili e oggetti di design sia di uso quotidiano che ludico, che hanno considerevolmente migliorato la vita dei bimbi di TOG.
– l’arrivo delle prime stampanti 3D.

Prima dell’utilizzo della stampante 3D, per la realizzazione degli ausili ortopedici, veniva utilizzato esclusivamente il gesso.
Tutori per gli arti, seggiolini e sedute posturali venivano realizzate in gesso.
Materiale pesante, poco malleabile, di scarsissimo impatto estetico.

La stampa 3D consente, in breve tempo, di creare oggetti belli, leggeri, economici ed efficaci dal punto di vista terapeutico.

Abbiamo seguito passo per passo il nostro fisioterapista Luca nella realizzazione di un seggiolino per Lorenzo, un piccolo paziente del Centro.
Ecco cosa abbiamo imparato.

Prima fase: il gesso

gesso primo piano

La fase del gesso è quella più delicata. Il calco deve essere il più preciso e il più confortevole possibile.
Dopo aver modellato il gesso sul paziente, i terapisti si impegnano nel limare il più possibile le zone poco lisce o poco precise; in questo modo faciliteranno la fase di scanner.

IMG-8092

Scanner e modellazione 3D

La fase successiva è caratterizzata dalla scannerizzazione del gesso e dalla modellazione 3d tramite software apposito.

modelling luca modelling

Fase finale: 3D printing

50274330_2416591941701493_6471797291597430784_n 53806310_351237038818702_6310247834834698240_n

Gli ausili di questo tipo vengono stampati in 3d nel giro di 20h, rendendo tutto il processo il più possibile preciso, efficace e veloce.

L’ausilio stampato in 3d è colorato, bello, leggero ed economico.